TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Formula 1: il Gran Premio di Turchia è stato annullato e sostituito dalla seconda gara austriaca

Red Bull Ring - Austria
Il circuito austriaco della Red Bull ha ospitato le prime due gare della scorsa stagione

Il Gran Premio di Turchia è stato annullato solo due settimane dopo essere stato inserito nel calendario di Formula 1 e sostituito con una seconda gara in Austria.

Ma la Turchia è ora impraticabile dopo essere stata inserita nella Red Travel List del Regno Unito dei paesi ad alto rischio.

Il Gran Premio della Stiria si svolgerà invece sul circuito Red Bull dal 25 al 27 giugno.

Questa data era originariamente prevista per il Gran Premio di Francia, che ora è stata spostata una settimana prima al 18-20 giugno.

La mossa significa che ora ci saranno gare per tre fine settimana consecutivi: il Gran Premio di Francia al Paul Ricard, seguito dal Gran Premio di Stiria e poi il Gran Premio d’Austria, entrambi sulla stessa pista.

Il presidente della F1 Stefano Domenicali ha dichiarato: “Volevamo tutti correre in Turchia, ma le restrizioni di viaggio in vigore significano che non saremo in grado di essere lì a giugno.

“La F1 ha dimostrato ancora una volta di essere in grado di rispondere rapidamente agli sviluppi e trovare soluzioni, e siamo lieti che avremo un doppio colpo di testa in Austria, il che significa che la nostra stagione è ancora in 23 gare”.

F1 ha una serie di protocolli volti a ridurre i rischi di diffusione del Covid-19 e afferma di aver condotto quest’anno 17.000 test con solo 15 casi positivi, una percentuale dello 0,1%. Dice che “continuerà a operare in modo da proteggere la sicurezza dei nostri dipendenti e delle comunità che visitiamo”.

Alcuni addetti ai lavori della Formula 1 avevano sperato che i proprietari dello sport, Liberty Media, non avrebbero sostituito la Turchia con un altro evento.

Le squadre stanno già trovando ingombrante la combinazione del programma pianificato di 23 gare e le restrizioni ai movimenti imposte ai singoli al loro ritorno nel Regno Unito.

Alcuni VIP pensano che non sia necessario mantenere il numero di gare troppo alto, quando lo sport non ha visto una lunga stagione prima.

Ma la F1 ritiene che abbia senso mantenere il numero di gare pianificate nella prima metà dell’anno perché nutre preoccupazioni sulla fattibilità di un certo numero di gare di fine stagione.

Per vari motivi, ci sono dubbi sulle corse di Singapore, Giappone, Stati Uniti, Messico, Brasile e Australia.

Queste gare attualmente costituiscono il programma sportivo completo per ottobre e novembre.

Ci sono ramificazioni finanziarie che coinvolgono sia gli sponsor che le emittenti televisive che danneggerebbero le finanze della F1 – e il premio in denaro pagato alle squadre nel prossimo anno – se il numero di gare diminuisse troppo.

Il Brasile e il Messico sono una preoccupazione perché la portata dell’epidemia in quei paesi significa che la F1 potrebbe ritenere di non poter giustificare l’andare lì.

I dubbi su Singapore, Giappone, Stati Uniti e Australia hanno più a che fare con le restrizioni di viaggio che questi paesi impongono ai visitatori stranieri.

La modifica del calendario significa che l’ex pilota di F1 Roman Grosjean non sarà in grado di prenderlo Demo in una Mercedes F1 Nel Gran Premio di Francia, in quanto corre contro la gara Indycar a Road America in Wisconsin questo fine settimana.

Tuttavia, il test di Grogan a Lewis Hamilton 2020 è ancora previsto per il Paul Ricard il 29 giugno.

A proposito della BBC - pingInformazioni sul piè di pagina della BBC - ping

READ  GB News Show non hanno attirato spettatori dopo il boicottaggio della trazione al ginocchio | Industria televisiva