TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica: l’incapacità dell’Iran di spiegare gli effetti dell’uranio è un “grosso problema” Iran

Il capo dell’ispettorato nucleare delle Nazioni Unite ha affermato che l’incapacità dell’Iran di fornire spiegazioni affidabili per gli effetti dell’uranio trovato in due siti non dichiarati è un “grosso problema” che colpisce la credibilità del paese.

Rafael Grossi, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, ha affermato che Iran e Stati Uniti non possono semplicemente tornare al vecchio accordo nucleare con gli stessi termini firmati nel 2015, ma hanno bisogno di una nuova comprensione di come affrontarlo. Aumentare la conoscenza nucleare iraniana e il possesso di centrifughe più avanzate.

Grossi non è direttamente coinvolto nei colloqui di Vienna, attualmente alla quinta fase, sulle condizioni per il ritorno di Iran e America al reciproco rispetto dell’accordo del 2015, ma nella consulenza tecnica della sua organizzazione sulla credibilità dell’Iran e su come riformulare l’accordo è. critico.

È un diplomatico argentino che due volte ha salvato i colloqui di Vienna dal crollo Negoziazione di accordi tecnici temporanei Consentire agli ispettori dell’AIEA un accesso continuo, ma limitato, ai siti nucleari dichiarati dell’Iran.

L’accordo prevede che l’Iran consenta alle telecamere chiuse di continuare a lavorare all’interno dei siti nucleari, ma l’Agenzia internazionale per l’energia atomica non è ancora stata in grado di accedere alle riprese. Ha ammesso che stava preservando l’intero accordo sul supporto vitale mentre Iran e America stavano cercando di raggiungere una versione modificata del JCPOA, il nome del 2015. Accordo nucleare iraniano.

Ha detto che il suo lavoro non era quello di inviare un ultimatum all’Iran per spiegare perché l’uranio ingiustificato è stato scoperto in tre siti, uno dei quali era un impianto di pulizia dei tappeti, ha detto l’Iran, ma per riferire la verità tecnica. Sanno di dover offrire spiegazioni. Chiediamo loro di venire a patti con tutte queste cose perché li aiuta solo “.

READ  Il fotografo cattura il "Santo Graal" dell'aurora boreale su un vulcano in eruzione | notizie dal mondo

Ha detto di aver detto ai funzionari iraniani: “Ciò influenzerà la credibilità del vostro paese in generale e le possibilità di qualsiasi accordo più ampio che vorrete concludere con le vostre controparti JCPOA”.

“La mia responsabilità è la credibilità e l’integrità del regime di non proliferazione”, ha detto. “Posso dire:” Non dire niente “, ma dopo cinque anni succede qualcosa, e poi è un fallimento nel nostro dovere”.

Ha aggiunto: Abbiamo trovato tracce di uranio che sono state sottoposte a trattamento industriale in vari luoghi che l’Iran non ha annunciato. Questo è un grosso problema. Ad alcune persone manca questo e dicono “queste sono cose vecchie”. Dobbiamo approfondire questo aspetto, non per l’ossessione accademica di qualsiasi MDG, ma perché si tratta di non proliferazione.

“Sappiamo che è successo qualcosa qui. Non c’è modo di aggirarlo. Abbiamo trovato questo. C’erano materiali qui. Quando è successo? Cosa è successo a questa attrezzatura? Dov’è il materiale. Devono rispondere.”

Ha descritto la cooperazione dell’Iran con la sua indagine di lunga durata come un “lavoro in corso”.

Su scala più ampia, ha affermato che un ritorno scritto al vecchio PACG non era possibile durante i colloqui di Vienna. “Non è possibile. L’Iran ha accumulato conoscenza, accumulato centrifughe e accumulato materiali”.

Dovrebbe esserci quello che ha descritto come “un accordo all’interno di un accordo, o una tabella di marcia per l’attuazione” su come affrontare il miglioramento del nucleare iraniano, compreso il suo uso di centrifughe più avanzate di quanto consentito dall’accordo del 2015.

“Hanno molte opzioni. Possono smantellare, distruggere e mettere nell’armadio. Quello che dobbiamo essere in grado di fare è verificare in modo affidabile e tempestivo”.

READ  Spike Lee dice di credere nelle teorie del complotto dell'11 settembre

Ha detto che la questione della conoscenza che gli iraniani avevano “era molto difficile da risolvere. Hanno sviluppato nuove centrifughe. La ricerca e lo sviluppo sono stati condotti. Il JCPOA originale non lo consentiva. È successo, e ora il problema è come affrontare il problema. risultati. Quello di cui hai assolutamente bisogno. “È un modo per verificare che se hanno quella conoscenza non sarà usato per fare bombe”.