TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COVID-19: quattro persone su cinque di età pari o superiore a 16 anni nel Regno Unito hanno ricevuto due vaccini, afferma il governo | Notizie dal Regno Unito

Quattro persone su cinque di età pari o superiore a 16 anni nel Regno Unito hanno ricevuto due dosi del vaccino COVID-19, salutato anche dal ministro della Sanità Sajid Javid come un “risultato eccezionale”. Il Paese ha anche registrato 209 decessi in più legati al virus Corona e 37.489 nuove infezioni nelle ultime 24 ore.

Un totale di 43.535.098 persone hanno ricevuto un’iniezione (80,1%) e 48.292.811 dosi singole (88,8%), secondo i dati del governo.

Inoltre, più della metà dei giovani di età compresa tra 16 e 17 anni aveva già ricevuto la prima dose, poco più di quattro settimane dopo che a questa fascia di età era stato dato il via libera per introdurre il vaccino.

Ciò avviene quando è stata lanciata una nuova campagna sui social media per incoraggiare una maggiore diffusione del vaccino tra i giovani e i bambini idonei.

Javid ha dichiarato: “È un risultato straordinario che quattro adulti su cinque in tutto il Regno Unito abbiano ricevuto entrambi. COVID-19 Vaccini, che hanno costruito un muro difensivo intorno al Regno Unito e ci permettono di convivere in sicurezza con questo virus.

“È bello vedere così tante aziende leader che fanno tutto il possibile per incoraggiare i giovani a vaccinarsi, da TikTok a MTV, così come altri nomi familiari che si sono già mobilitati dietro il lancio come Uber.

“Ottenere il vaccino non è mai stato così facile e invito tutti a continuare a fare la propria parte vaccinandosi per proteggere se stessi, le loro famiglie e le loro comunità”.

I capi medici del Regno Unito stanno esaminando i più ampi benefici della vaccinazione di persone sane di età compresa tra 12 e 15 anni, come la riduzione dell’assenteismo scolastico, dopo Il Comitato congiunto sulla vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI) ha respinto la raccomandazione Ampia diffusione della fascia d’età solo per motivi di salute.

READ  Ultimi tassi di Covid nella Greater Manchester con casi in aumento in tutti i distretti tranne uno

Nel frattempo, i dati del governo hanno mostrato che il Regno Unito ha registrato 37.489 nuovi casi di coronavirus e altri 209 Corona virusMorti correlati nelle ultime 24 ore.

Si tratta del numero più alto di decessi giornalieri dal 9 marzo, quando furono annunciati 231 decessi.

Confronta gli ultimi numeri con E lunedì sono stati registrati 41.192 feriti e 45 morti, Mentre Martedì scorso sono stati annunciati 32.181 casi e 50 decessi.

mercoledì scorso, E ha registrato 207 morti, insieme a 35.693 feriti.

Il numero di decessi per il virus Corona registrato ogni settimana in Inghilterra e Galles è al livello più alto degli ultimi cinque mesi.

668 decessi sono stati registrati nella settimana terminata il 27 agosto e COVID-19 è stato menzionato sul certificato di morte, secondo l’Office for National Statistics (ONS) – il numero più alto da 719 decessi è stato registrato nella settimana terminata il 26 marzo.

Gli ultimi dati mostrano l’impatto della terza ondata di COVID-19 iniziata nel Regno Unito a maggio, ma il numero di decessi è ben al di sotto del livello che si è verificato al culmine della seconda ondata, riflettendo il successo del programma di vaccinazione.

Secondo gli ultimi dati del governo, 905 pazienti COVID nel Regno Unito sono stati ricoverati in ospedale il 3 settembre e ci sono stati 6.641 ricoveri negli ultimi sette giorni, con un aumento dell’1,6% rispetto alla settimana precedente.

Dall’inizio della pandemia all’inizio del 2020, un totale di 133.483 persone nel Regno Unito sono morte entro 28 giorni dal test positivo per COVID e ci sono stati 7056.106 casi confermati in laboratorio.

READ  I ricercatori scoprono un "nuovo tipo di primi esseri umani" vicino alla città israeliana di Ramle | notizie di scienza e tecnologia

Dati separati pubblicati dall’Office for National Statistics mostrano che ci sono 158.000 decessi registrati nel Regno Unito in cui il COVID è menzionato sul certificato di morte.

Inoltre, il governo ha smentito le notizie secondo cui esiste un piano per implementare la prevenzione degli incendi in Inghilterra intorno alla metà di ottobre se si verifica una nuova ondata di casi di COVID-19.

Ma un portavoce di Downing Street ha detto che ci sono “piani di emergenza” per una serie di “scenari”, aggiungendo che “questo tipo di misura sarebbe reintrodotto solo come ultima risorsa per prevenire pressioni insostenibili sul nostro servizio sanitario nazionale”.

E prima, il ministro delle vaccinazioni, Nadim Al-Zahawi, ha parlato a Sky News Non ha negato la possibilità di applicare restrizioni di “spegnimento del fuoco”. Il mese prossimo se i ricoveri ospedalieri rimarranno alti, ma ha detto che dipende dal successo del programma di iniezioni di richiamo per gli anziani e i più vulnerabili.

Il signor Zahawi ha detto programma di rafforzamento È la sua “priorità assoluta” perché “ci aiuterà assolutamente a convertire il virus da pandemia a endemico”.

Ma ha avvertito che “il percorso a senso unico per mantenere l’economia aperta” avverrà solo “se lo facciamo bene”.

Segui il podcast quotidiano su podcast della mela, Podcast di Google, spotificare, Altoparlante

In un altro sviluppo, I contributi previdenziali aumenteranno dell’1,25% a partire dal prossimo aprile Per pagare il sistema di welfare inglese nel tentativo di porre fine a quelli che il governo chiama i “costi catastrofici e imprevedibili” che molti devono affrontare.

L’aumento dovrebbe raccogliere circa 12 miliardi di sterline all’anno, che verranno utilizzati principalmente nei primi tre anni per finanziare la gestione dell’arretrato del SSN causato dalla pandemia di COVID.

READ  La carenza di forniture di Pfizer rallenta il lancio del vaccino contro il COVID

Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato di accettare che la misura infrange l’impegno del partito conservatore a non aumentare l’assicurazione nazionale, ma è stato un passo necessario a causa delle pressioni finanziarie del coronavirus.