TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Covid-19: più di 1,3 milioni di persone in Inghilterra non hanno ancora ricevuto il vaccino contro il Coronavirus, indica l’analisi Notizie dal Regno Unito

L’analisi ha mostrato che più di un milione di persone devono ancora accettare l’offerta del vaccino COVID in Inghilterra.

Ciò avviene dopo che il governo ha dichiarato di aver raggiunto l’obiettivo di un’offerta Corona virus Ogni persona ha un rischio maggiore di contrarre la malattia In vista dell’obiettivo del 15 aprile.

NHS England afferma che 19 dei 20 più a rischio hanno avuto una malattia Malattia di coronavirus colpo.

Con quasi 27 milioni nei primi nove gruppi prioritari, ciò significa che 1 persona su 20 – circa 1,35 milioni – non ha preso una dose, secondo l’agenzia di stampa palestinese.

Il Department of Health and Welfare afferma che circa il 95% delle persone di età pari o superiore a 50 anni ha ricevuto una prima dose in Inghilterra, mentre il 92% delle persone clinicamente a rischio è stato accoltellato.

Tuttavia, gli esperti ritengono che gli 1,3 milioni di persone non registrate siano più probabilmente dovute alla mancanza di accesso rispetto ai “netti contrari”.

I funzionari sanitari affermano che l’offerta di vaccinazione è “evergreen” e non finisce.

“La prima cosa da ricordare in qualsiasi programma di vaccinazione è la ragione principale per non prenderlo è sempre l’accesso, non la resistenza totale”, ha detto Robert Dingwall, professore di sociologia alla Nottingham Trent University.

Soprattutto perché il programma di vaccinazione non ha raggiunto un certo gruppo nel modo in cui sarebbe accettato, in un momento, in un luogo e in un quadro di persuasione che li convince che è una buona idea.

“Quindi penso che il numero di oppositori assoluti in questo numero di 1,3 milioni sarà probabilmente molto piccolo”.

READ  Il traguardo è stato raggiunto poiché i dati mostrano che 15 milioni di persone sono state completamente vaccinate contro COVID

Secondo l’Ufficio per le statistiche nazionali, la frequenza delle vaccinazioni è più alta tra le persone di età compresa tra 16 e 29 anni.

I dati dell’Ufficio per le statistiche nazionali hanno rilevato che il 12% della fascia di età – quasi 1,2 milioni di persone – ha dichiarato di non aver ricevuto il vaccino, di non prenderlo se offerto o di non sapere se lo avrebbe preso.

Questo rispetto a circa il 9% della frequenza nel gruppo di età 30-49, che è stimato a 1,6 milioni di persone.

Una precedente ricerca del National Bureau of Statistics ha rilevato che alcune delle cause delle “emozioni negative” includevano la preoccupazione per gli effetti collaterali, l’impatto a lungo termine sulla salute e le persone che volevano aspettare per vedere come funzionano i vaccini.