TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COVID-19: il capo del NHS afferma che i vaccini “rompono la catena” tra coronavirus e malattie gravi

Il capo del NHS ha affermato che i vaccini sembrano aver “spezzato la catena” tra il contrarre il coronavirus e l’ammalarsi gravemente.

Parlando con Sky News, Chris Hobson ha affermato che mentre il numero di persone in ospedale con la variante scoperta per la prima volta in India, nota anche come variante delta, stava aumentando, era molto più basso di quanto visto nelle precedenti ondate.

Aggiornamenti in tempo reale sul COVID dal Regno Unito e da tutto il mondo

immagine:
Hobson ha anche affermato che i pazienti COVID ricoverati ora “tendono ad essere più giovani” e hanno meno probabilità di aver bisogno di cure critiche.

L’amministratore delegato di NHS Providers ha dichiarato: “Stiamo assistendo a un aumento dei ricoveri in linea con il numero crescente di infezioni a cui stiamo assistendo a causa della variabile delta.

“Ma non raggiungeranno un livello in cui siamo preoccupati di sovraccaricare il SSN.

“Stanno lentamente aumentando.

“I livelli sono molto più bassi di quelli che abbiamo visto nelle ondate precedenti”.

Corona virus Il numero dei casi è salito al livello più alto in due mesi di venerdìPer ora, però, i decessi e i ricoveri sono ancora bassi e il programma di vaccinazione ha raggiunto altri due importanti traguardi.

Oltre 40 milioni di persone nel Regno Unito ora ce l’hanno COVID-19 vaccino, e più di 27 milioni la loro seconda dose, Secondo gli ultimi numeri.

Iscriviti al podcast quotidiano su Podcast di meleE il google podcastE il spotifyE il Altoparlante

Hopson ha anche affermato che le persone che ora sono ricoverate in ospedale “tendono ad essere più giovani” e, di conseguenza, hanno meno probabilità di aver bisogno di cure critiche.

READ  COVID Live: le ultime notizie sul Coronavirus mentre gli esperti chiedono ulteriori ricerche sulla protezione della vitamina D e l'India entra in un nuovo blocco | Notizie dal Regno Unito

“C’è molta meno pressione sulla capacità di terapia intensiva rispetto a quanto abbiamo visto a gennaio e febbraio”, ha detto.

“La terza parte, che ci sembra particolarmente importante, è che pochissime persone hanno ricevuto la vaccinazione doppia dose e quindi la protezione si è accumulata dopo due o tre settimane. [that are being hospitalised].

“Ed è per questo che i nostri amministratori delegati affermano di credere già che il legame tra COVID-19 e i livelli molto elevati di ospedalizzazione e mortalità che abbiamo visto nelle precedenti ondate sia interrotto da questo modello di variabili”.

“Questo è ciò che avrebbero suggerito le prove degli studi clinici, ma è molto rassicurante vedere queste prove sul campo”, ha aggiunto.

Persone in coda per andare al Belmont Health Center di Harrow che consegna una prima dose del vaccino contro il coronavirus di Pfizer a chiunque abbia più di 18 anni il sabato e la domenica che vive o lavora a Harrow.  Data foto: sabato 5 giugno 2021.
immagine:
Chris Hobson ha detto che è “molto rassicurante” vedere l’effetto dei vaccini

Alla domanda se fosse preoccupato per l’allentamento delle restrizioni di blocco il 21 giugno in linea con la tabella di marcia del governo per l’Inghilterra, Hobson ha affermato che la situazione è “complicata” e ha chiesto un “migliore livello di discussione”.

“Ovviamente ci sono dei rischi qui, quindi lascia che ti presenti i tre su cui si concentrano i nostri membri: il primo è il fatto che [Delta] L’alternativa è sicuramente più trasferibile”.

“E in secondo luogo, il motivo principale per cui la catena si è spezzata sono i vaccini, ma sappiamo di avere un gran numero di persone che non sono ancora state vaccinate – e intendo per vaccinazione a doppia dose e poi loro due tre settimane di protezione cumulativa, e sappiamo che ci sono alcune persone nei gruppi clinicamente a rischio, dai gruppi da 1 a 9, che non hanno ancora ricevuto le vaccinazioni, quindi c’è ancora un rischio.

READ  SpaceX lancia il suo terzo equipaggio in meno di un anno con un missile e una capsula riciclati SpaceX

“E la terza parte è… se gli ospedali iniziano a vedere molti pazienti COVID-19, significa che non possono fare l’altro lavoro che devono fare e gli ospedali sono davvero occupati in questo momento – stanno attraversando enormi quantità di recuperi aziendali.Con il ritardo nelle cure, la traiettoria di emergenza è molto più trafficata di quanto ci aspettassimo.

“Quindi, sì, non ci aspettiamo di vedere nulla di simile ai tassi di ospedalizzazione che abbiamo visto nelle precedenti ondate, ma anche un leggero aumento dei numeri di COVID-19 significa che probabilmente dovremo richiamare l’arretrato, il che è preoccupante”.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

“Non sono state prese decisioni finali” sulla revoca del blocco

I commenti arrivano come il governo “imposta altre opzioni” Prima di decidere se revocare completamente le restrizioni COVID il 21 giugno.

Un funzionario del governo ha detto a Sky News che Number 10 sta ancora pianificando di andare avanti con il passo finale nella tabella di marcia, ma sta aspettando ulteriori dati prima di prendere qualsiasi decisione.

Si dice che le opzioni in discussione includano il mantenimento delle maschere per il viso su determinate impostazioni, il proseguimento del lavoro da casa, un leggero ritardo nello sblocco e il passaggio del quarto passaggio a luglio.

Ma gli addetti ai lavori hanno sottolineato che non era stata presa alcuna decisione sul ritardare l’allentamento del blocco, ha detto il primo ministro Boris Johnson È preferibile modificare le restrizioni il 21 giugno piuttosto che posticipare la data.

READ  L'ultimo virus Corona: gli Stati Uniti rinnovano l'appello per le torte giovanili, poiché il consigliere di Biden ha detto che suo figlio ha un `` lungo Covid ''

Finora, il governo ha sempre e solo affermato che non c’è “nulla nei dati” che suggerisca che la fine del blocco dovrebbe essere ritardata.