TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Coronavirus: il consigliere afferma che i casi giornalieri potrebbero raggiungere i 1.000 senza ulteriore vigilanza

Il membro del comitato consultivo sul coronavirus, il dott. Petros Karaijanis, ha dichiarato martedì che i casi potrebbero raggiungere un migliaio se non stiamo attenti, rispondendo ai numeri del giorno precedente, che hanno mostrato 787 positivi.

“Molti continuano a comportarsi come se il virus avesse lasciato la comunità, ma i 787 casi di ieri mostrano che è ancora con noi e si sta diffondendo rapidamente a causa di comportamenti che insistiamo a non fermare per fermare la diffusione”, professore di Microbiologia/Molecolare Virologia presso l’Università di Nicosia Medical School ha detto. Cyprus News Agency.

Il numero che ci ha portato a reprimere l’ultima volta è 160, ha aggiunto, “ma le cose sono diverse ora dove la copertura vaccinale è più alta”.

È stato osservato che la variante delta più contagiosa, che si ritiene sia responsabile del recente aumento dei casi, colpisce principalmente i non vaccinati.

Karayiannis ha affermato che sebbene non fosse ancora chiaro se la variante delta fosse il ceppo dominante poiché i campioni sono ancora in fase di elaborazione da parte del CDC, ha ipotizzato che la diffusione dell’infezione possa essere attribuita alla variante specifica, data la sua velocità.

Con il tasso di vaccinazione più basso tra i ciprioti più giovani, i dati del ministero hanno mostrato che la maggior parte dei nuovi infetti aveva meno di 40 anni, con Karayiannis che ha notato che almeno il 55% dei nuovi casi è stato rilevato tra persone di età inferiore ai 25 anni.

Ha affermato che sebbene i giovani siano infetti, alcuni dei quali finiscono in ospedale, gli effetti peggiori del virus non saranno così evidenti quando gli anziani erano il gruppo più vulnerabile.

READ  Studio senza precedenti: l'inarrestabile processo di invecchiamento | invecchiamento

“Ciò non significa che l’infezione non si insinuerà prima o poi, perché alcuni individui infetti potrebbero entrare in contatto con persone anziane che non sono ancora state vaccinate”.

Karayiannis ha affermato che dal momento che i ricoveri hanno già iniziato a salire, probabilmente continueranno a farlo.

Ma ha aggiunto che poiché la maggior parte dei giovani sta entrando ora, i ricoveri e i decessi sono ancora inferiori rispetto ad altre ondate di virus.

Il fenomeno è stato osservato anche nel Regno Unito, dove il primo ministro Boris Johnson ha annunciato lunedì che il paese solleverà quasi tutte le restrizioni il 19 luglio nonostante l’aumento delle truppe – una “decisione coraggiosa che spero non costerà loro troppo”, ha affermato. disse.

Il cancelliere era ambiguo sul fatto che il governo stesse prendendo in considerazione la possibilità di revocare alcune delle recenti misure di allentamento, affermando che le misure rigorose si erano precedentemente dimostrate efficaci nel contenere le infezioni.

Ha affermato che la situazione negli ospedali è finora gestibile, dando al governo un po’ di tempo per deliberare sulle sue misure imminenti durante il monitoraggio della situazione epidemiologica, aggiungendo che il team consultivo sarà a loro disposizione.

Ha aggiunto che non era sicuro di quale tipo di misure avrebbero avuto successo durante il periodo turistico perché avrebbero effettivamente chiuso l’industria del turismo per il resto della stagione.

“Cosa c’è di meglio: rispettare di buon grado le misure di protezione personale e i protocolli sanitari per alcune settimane o essere costretti a seguire di nuovo misure restrittive?”

Ancora una volta, ha ribadito gli appelli del governo a vaccinare i giovani, affermando che la parte responsabile – il vaccinatore – della popolazione è “tenuta in ostaggio da un gruppo di persone che non capiscono l’importanza della vaccinazione”.

READ  Gli astronomi hanno scoperto una stella a forma di lacrima che si aspettano esploda in una supernova | notizie di scienza e tecnologia

Altri ignorano che i vaccini sono efficaci per l’85% contro il virus e scelgono di rinunciare al vaccino dopo aver visto che alcune persone vaccinate potrebbero ancora ammalarsi.

Ha sottolineato che la diminuzione dei casi dipende dal nostro comportamento.

“Immagina quanto sarebbero peggiori i numeri se fosse inverno o autunno, quando dobbiamo stare in casa. Fortunatamente, grazie alla copertura vaccinale e al fatto che trascorriamo molto tempo all’aperto, l’infezione non si diffonde rapidamente”.

Ha aggiunto che monitorando le catene di trasmissione, è chiaro che hanno origine in luoghi in cui le persone si radunano, ignorando le misure di protezione personale e i protocolli sanitari.

Infine, Karayiannis ha affermato che le speranze del governo sono di raggiungere l’80% di copertura vaccinale entro settembre per garantire l’immunità del gregge. “Se non lo facciamo, avremo problemi, ora è chiaro”.