TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

CDC aggiunge Israele ai paesi più vulnerabili al Covid-19

I Centri statunitensi per il controllo delle malattie consigliano agli americani di smettere di viaggiare in Israele dopo aver avvertito il paese dei rischi estremi del Covid-19.

Lunedì, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno aumentato il rischio di COVID-19 per i viaggiatori al livello 4, il livello di rischio più alto.

il Il CDC raccomanda Che i viaggiatori americani evitino di visitare Israele e, se devono andarci, di assicurarsi di essere completamente vaccinati prima di lasciare gli Stati Uniti.

Tuttavia, l’agenzia ha osservato che a causa dell’elevata concentrazione di casi in Israele, gli individui completamente vaccinati potrebbero essere a rischio di infezione e diffusione delle varianti di Covid-19.

La raccomandazione si estende a tutto Israele oltre alla Cisgiordania e alla Striscia di Gaza. L’agenzia raccomanda il mascheramento e il distanziamento sociale per chiunque debba visitare il paese.

I casi di coronavirus sono in costante aumento in Israele a causa della variante delta.

Lunedì, il Ministero della Salute israeliano ha rilasciato dati che rivelano che il numero di pazienti gravemente malati nel paese è salito a 360, con un aumento dei casi complessivi di 3.372. Il tasso di casi positivi nel paese è ancora molto più basso di quanto non fosse durante l’ultima grande ondata di casi. Attualmente, il tasso di test positivo è solo del 3,87 percento. Tale tasso era del 9% durante l’ultima grande ondata del virus.

Il ministro della Sanità del paese, Nitzan Horowitz, ha dichiarato lunedì che il paese considererà il blocco solo come “ultima risorsa” e che il governo sta facendo tutto il possibile per prevenire un’altra quarantena.

READ  Allarme NHS per l'alto numero di pazienti Covid nel Regno Unito sui ventilatori | Corona virus

“Il coronavirus non scomparirà presto”, ha detto Horowitz. “Stiamo creando l’infrastruttura che ci consentirà di convivere con il coronavirus a lungo termine”.

Ha’aretz Ha detto che Israele ha reintrodotto alcune restrizioni per aiutare a fermare la diffusione del virus. A differenza degli Stati Uniti, Israele richiede un passaporto vaccinale – chiamato Green Passage – per chiunque voglia partecipare a eventi culturali e sportivi, soggiornare in hotel o visitare palestre, ristoranti, cinema, caffè o centri congressi. L’unica eccezione è per coloro che visitano i luoghi di culto.

Lo stato richiede anche che qualsiasi evento esterno a cui partecipano più di 100 persone sia nascosto.

Israele sta anche reprimendo i visitatori stranieri che arrivano nel paese, richiedendo periodi di isolamento obbligatori per i viaggiatori provenienti da tutti i paesi tranne 10, anche se sono stati vaccinati.

I visitatori statunitensi dovranno rispettare il periodo di isolamento prolungato.

Il CDC ha anche aggiunto avvertimenti contro gli americani che viaggiano in Francia, Thailandia, Islanda e molti altri paesi lunedì.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che mantiene il proprio elenco di avvisi di viaggio, ha aggiunto Francia e Islanda al suo elenco di livello 4, l’elenco dei paesi ad alto rischio.

Il governo francese ha recentemente ampliato la richiesta che i cittadini forniscano la prova della vaccinazione quando visitano caffè e ristoranti e viaggiano tra le città lunedì, anche se molti hanno protestato contro la decisione durante il fine settimana.

Il passaporto sanitario mira a limitare la diffusione del coronavirus in tutto il Paese. Sebbene il numero di ricoveri sia in calo rispetto ad altre volte durante la pandemia, il governo del Paese teme che la variante delta possa causare un aumento delle malattie simile a quanto sta accadendo negli Stati Uniti.

READ  Il nucleo interno di ferro solido della Terra cresce più velocemente dell'altro lato

Allo stesso modo, l’Islanda ha visto la diffusione del tipo delta, sebbene in quel paese il tasso di vaccinazione sia molto più alto di quello di molti altri paesi, con quasi il 90% della popolazione islandese che ha preso il vaccino. Il paese ha adottato le proprie restrizioni locali e di confine per prevenire un’ulteriore diffusione attraverso i suoi confini.