TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Capling Italy: qual è il prezzo della griglia unica con Roma vacillante?

Il contenuto dell’articolo

Milano – Quando lo scorso dicembre il sindaco Filippo Tripoli ha ricevuto una telefonata da Telecom Italia per contattare la sua città siciliana, è rimasto sorpreso. Baghería, che ha una popolazione di 55.000 abitanti, era già stata telegrafata dalla rivale Open Fiber e un’altra rete sembrava troppo costosa.

“Ho bussato su un fianco”, ha detto Tripoli. “Qual è il punto di collegare un luogo che è già stato collegato ai cavi una volta?”

Open Fiber ha terminato le sue operazioni in Bagueria all’inizio di quest’anno ed è ora impegnata a riemergere le strade. Telecom Italia (TIM) è appena partito, ma potrebbe concludersi entro la fine dell’anno. costo? Circa 4,5 milioni di euro (5,4 milioni di dollari) per le fibre aperte e circa 3 milioni di euro per TIM.

Il caso evidenzia gli aspetti negativi della lotta del governo italiano per raggiungere un accordo tra TIM e Open Fiber per accelerare lo sviluppo della banda larga veloce e aiutare il paese a colmare un divario digitale ed economico con i suoi principali concorrenti europei.

Tripoli ha detto: “Capisco che il governo vuole che TIM e Open Fiber uniscano le forze in modo che l’Italia abbia una sola rete e possa risparmiare denaro … Ma quello che vedo qui è che ognuno sta andando per la propria strada”.

Roma, tramite l’istituto di credito CDP, è proprietaria congiunta di Open Fiber con Enel ed è l’azionista numero 2 di TIM. L’anno scorso, ha cercato di mediare un accordo per unire le attività dell’ex monopolio telefonico TIM con il suo rivale più piccolo per creare un campione nazionale ed evitare doppi investimenti.

Annunci

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

Il contenuto dell’articolo

Ma i disaccordi su questioni come la governance e la regolamentazione hanno creato un vicolo cieco.

Il nuovo governo di Mario Draghi, che ha un’infrastruttura digitale al centro della sua agenda, deve ancora decidere se portare avanti il ​​progetto One Network.

Ma rischia di essere sopraffatto dagli eventi sul campo poiché TIM e Open Fiber installano reti parallele in fasce d’Italia.

“Sono due animali diversi, e col tempo diventa sempre più difficile fondersi e creare sinergie”, ha ammonito Michele Polo, docente di regolamentazione industriale e politica della concorrenza all’Università Bocconi di Milano.

I consulenti che lavorano in Open Fiber e TIM affermano che una singola rete taglierebbe sicuramente i costi, con risparmi che vanno da 500 milioni a oltre due miliardi di euro. Ma entrambe le parti concordano sul fatto che le sinergie dipendono dal compito svolto rapidamente: 18 mesi al massimo per ottenere la stima più alta.

TIM, Open Fiber e Ministero dell’Innovazione e dell’Economia hanno rifiutato di commentare.

Reti di concorrenza

Una rete in fibra completa è essenziale anche per la distribuzione della rete mobile 5G in Italia, che necessita di connessioni in fibra di backup per le sue torri e celle.

Vittorio Colao, scritto da Draghi per guidare il motore digitale italiano, è convinto che la concorrenza abbia un ruolo da svolgere. L’ex CEO di Vodafone si è concentrato su un lancio rapido, attento alla tecnologia e alla resistenza alla creazione di posizioni dominanti.

Una fonte governativa ha dichiarato: “Colaw afferma ufficialmente che questo è un problema tra TIM e Open Fiber, ma dietro le quinte c’è una mania per bloccare il piano One Network”.

Annunci

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

Il contenuto dell’articolo

Ma altri al governo non hanno rinunciato in qualche modo all’idea di una rete unificata e il ministro dell’Economia Daniele Franco sta portando avanti i piani per assicurarsi che CDP ottenga il controllo di Open Fiber.

A dire il vero, una maggiore concorrenza può alleviare le preoccupazioni normative. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha recentemente dichiarato al governo che ritiene che le reti concorrenti siano la migliore via da seguire, ad eccezione delle aree remote che richiedono il sostegno dello Stato per essere economicamente redditizie.

TIM, il cui maggiore azionista è la società di media francese Vivendi, ha ripetutamente affermato di voler assumere il controllo di qualsiasi entità incorporata in Open Fiber.

Per Baghería, le reti in competizione possono significare più turbolenze, ma ci sono progressi.

“Abbiamo dato il via libera a TIM, ha detto Tripoli, a patto che non siano state raggiunte aree via cavo con fibre ottiche aperte, come la zona del waterfront che vogliamo sviluppare per turismo e affari”. “Alla fine funziona bene.”

Capo lento

L’Italia si è classificata quarta nell’Unione Europea ultima in termini di competitività digitale nel 2019, secondo il Digital Economy and Society Index (DESI). Secondo i consulenti IDATE, solo il 7,1% delle famiglie aveva un abbonamento fibra per casa lo scorso anno rispetto al 21% nell’Unione europea.

Ma la pandemia COVID-19 ha spinto molte aziende e case a ripensare al modo in cui operano, il che ha accelerato la digitalizzazione. Roma sta cercando di utilizzare circa 7 miliardi di euro di fondi di recupero europei per aiutare a finanziare i piani per la rete ultraveloce, che includono la fornitura di accesso a ogni casa e azienda entro il 2026.

Annunci

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

Il contenuto dell’articolo

Con la crescente domanda, sia TIM che Open Fiber si sono trasformate in grandi scatole infrastrutturali. Attratto da potenziali ritorni sugli investimenti superiori al 10%, KKR ha investito 1,8 miliardi di euro in cambio di una quota del 37,5% nel progetto fibra di TIM, mentre Macquarie è in trattative per acquistare fino al 50% del suo concorrente.

Lo scorso anno TIM ha accolto con favore il piano a rete unica, ma da allora ha intensificato gli sforzi per lanciare la propria rete in fibra ottica attraverso fibre ottiche appositamente costruite.

Si è impegnata a spendere quasi 6 miliardi di euro entro il 2025, rispetto ai 7,1 miliardi che il suo rivale ha accantonato per consegnare quasi 20 milioni di case entro il 2023.

Una fonte vicina alla questione ha detto: “Che cosa è stata la conversione del piano TIM B in Piano A”.

FiberCop mira a connettere il 56% delle case e delle imprese italiane nei prossimi quattro anni e sposta la battaglia su Open Fiber, che finora ha spostato la fibra in 11,5 famiglie e aggiunge più di 2,5 milioni all’anno.

Gli uomini d’affari di Baghería sono contenti che TIM faccia parte dei cavi che il suo concorrente ha mancato.

“Stiamo investendo 3 milioni di euro nel prossimo anno o due per digitalizzare i nostri magazzini e utilizzare l’intelligenza artificiale per contribuire a rendere l’attività più competitiva”, ha affermato Giovanni Bellieri, che gestisce Flott, l’azienda di imbottigliamento del pesce.

“La comunicazione è molto importante. Non importa se ci sono una o due reti. L’importante è che sia veloce, di alta qualità e vada ovunque”.

($ 1 = € 0,8347) (Report di Stephen Geox ed Elvira Polina a Milano, Giuseppe Fonte a Roma. A cura di Mark Potter)

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum attivo e civico di discussione e incoraggiare tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. Potrebbe essere necessaria fino a un’ora per moderare i commenti prima che vengano visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche e-mail: ora riceverai un’e-mail se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento a un thread di commenti che segui o se un utente sta seguendo i commenti. Abbiamo visitato Guida della comunità Per ulteriori informazioni e dettagli su come impostare un file E-mail Impostazioni.

READ  Johnson annuncia piani per il rinnovamento urbano dopo aver promesso di "aggiornare"