TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Boeing Starliner tenta il secondo volo senza equipaggio verso la stazione spaziale | notizie di scienza e tecnologia

Boeing tenterà il secondo volo di prova senza equipaggio della sua nuova capsula Starliner verso la Stazione Spaziale Internazionale mentre fa offerte per ulteriori contratti della NASA.

Sebbene la capsula sia stata testata con successo sulla Terra, i voli di prova orbitali di CST-100 hanno riscontrato molti ritardi e problemi software.

Boeing e la NASA mirano a utilizzare la missione di rifornimento del 30 luglio per dimostrare che il veicolo spaziale può essere lanciato e attraccato in sicurezza alla Stazione Spaziale Internazionale, rientrare nell’atmosfera terrestre ed eseguire un atterraggio nel deserto.

Una foto non datata rilasciata dalla NASA della navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner al Kennedy Space Center in Florida.  Il gigante spaziale Boeing è pronto a tentare il suo secondo volo senza equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) come parte di un test per dimostrare che può andare e tornare in sicurezza dal laboratorio orbitante.  Data di uscita: lunedì 26 luglio 2021.
immagine:
Il lancio della capsula Boeing CST-100 Starliner è previsto per il 30 luglio. Pic: PA

Il primo test orbitale di Boeing dello Starliner nel 2019 si è concluso con un fallimento quando la capsula non si è incontrata con la Stazione Spaziale Internazionale a causa di un problema software, sebbene sia atterrata con successo sulla Terra due giorni dopo.

Come risultato di questo fallimento, Boeing ha richiesto un secondo tentativo di missione con la NASA e pagherà l’intero costo di gestione della fornitura – circa $ 410 milioni (£ 297 milioni). Tuttavia, una data di lancio all’inizio di marzo è stata posticipata.

Il lancio avverrà a luglio, se andrà avanti, al Kennedy Space Center di Cape Canaveral in Florida, il principale sito di lancio americano per la sua vicinanza all’oceano e per l’aumento di velocità che i razzi ricevono dalla rotazione terrestre.

Questo arriva dopo il successo del lancio di SpaceX nel maggio 2020 che ha visto Gli astronauti viaggiano nello spazio dal suolo americano Per la prima volta da quando il programma dello space shuttle è stato ritirato.

READ  Dalla lotta contro l'invecchiamento del cervello alla combustione dei grassi, perché l'allenamento della forza è essenziale per la salute di mezza età

Sia la missione SpaceX che i test della capsula Starliner da parte di Boeing vengono condotti nell’ambito del programma Commercial Crew della NASA, in cui vengono reclutate società private per consentire all’agenzia spaziale di inviare astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video accessibile

SpaceX lancia quattro astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale

Dopo la fine del programma dello space shuttle nel 2011, la NASA si è affidata interamente all’agenzia spaziale russa Roscosmos per inviare i suoi astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Oltre a rifornimenti e attrezzature, sulla capsula Starliner viaggerà anche una bambola di nome Rosie Rocketeer, legata al sedile del comandante con l’obiettivo di mantenere il baricentro della navicella.

Rosie indosserà una tuta spaziale Boeing blu brillante, la stessa di quella che indossano gli astronauti quando volano a bordo dello Starliner.

La NASA ha già selezionato i primi due gruppi di astronauti che viaggeranno verso la Stazione Spaziale Internazionale a bordo dello Starliner quando sarà consentito operare.

Mike Fink, Nicole Mann e Barry “Butch” Wilmore sono destinati a diventare i primi astronauti a prendere parte alla missione Crew Flight Test, un’offerta che dimostra essenzialmente la capacità di Boeing di portare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale e riportarli in sicurezza.

Dopo quel volo di prova, gli astronauti Sunita Williams, Josh Cassada e Janet Epps formeranno l’equipaggio per la prima missione operativa Boeing con equipaggio alla Stazione Spaziale Internazionale.