TRVPPINAPLES

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Biden tratteggia il ritiro dall’Afghanistan: “È giunto il momento per le forze americane di tornare a casa” – Mubasher | Notizie dagli Stati Uniti

Lizzie Mulvey riferisce:

La facciata dell’edificio si sta deteriorando. L’impianto di riscaldamento è considerato a rischio di incendio. Quando piove fuori, piove anche dentro: un contenitore di plastica vicino all’area di preghiera raccoglie l’acqua. La moschea Al Noor, una moschea che ha servito la comunità musulmana a Bridgeport, nel Connecticut, per più di 30 anni, si è appena distinta e fa parte della tendenza delle moschee in tutta l’America che devono affrontare gravi problemi finanziari durante la pandemia Covid-19.

Nell’aprile dello scorso anno, quando gli stati di tutta l’America sono stati chiusi, il mese sacro del Ramadan per i musulmani era appena iniziato. Il mese sacro è il momento in cui le moschee aprono le loro porte ogni notte, accogliendo membri e ospiti per Iftar, un pasto collettivo per Iftar. È anche uno dei periodi più fruttuosi dell’anno per la raccolta fondi, soprattutto per le moschee locali, che copre la maggior parte delle spese attraverso donazioni individuali.

Con il rinvio dell’adorazione personale, tuttavia, gli adoratori non potevano più condividere il pasto notturno. Per tutto il resto del 2020, alle famiglie è stato vietato di andare alle preghiere del venerdì o alle preghiere del venerdì, un altro momento importante per la raccolta di fondi. Con alti tassi di disoccupazione, molte famiglie musulmane hanno dovuto affrontare difficoltà finanziarie proprie. Di conseguenza, le donazioni alle moschee in tutto il paese sono diminuite drasticamente: per alcuni luoghi di culto, il finanziamento annuale è diminuito del 40-60%.

Le moschee regionali più grandi negli Stati Uniti, che di solito hanno sede nelle aree urbane, sono collegate a grandi comunità musulmane e una rete di altre moschee che forniscono sicurezza finanziaria. Le piccole moschee di quartiere, a volte chiamate moschee Mahalla, nelle città, nei sobborghi e nelle aree rurali, mancano della stessa rete di sicurezza. C’è anche poco sostegno finanziario fornito dai governi federale e statale e molti di loro si rivolgono agli sforzi di GoFundMe per sopravvivere, con risultati contrastanti.

READ  Ultime notizie sulla salute di Kim Jong Un: il leader 'magro' del Nagorno-Karabakh provoca il panico e perde drasticamente peso | mondo | notizia

“Abbiamo un sacco di debiti finanziari e dobbiamo un sacco di soldi alle persone”, ha detto Atef Sial, un membro del Comitato Esecutivo della Moschea del Connecticut che ha contribuito a organizzare la campagna di raccolta fondi GoFundMe per la moschea. Finora dovevo solo $ 12.200.

“Abbiamo molti bambini nella comunità e vogliamo insegnare loro la nostra religione”, ha detto Sial, spiegando perché la continua esistenza della moschea è importante. La moschea fornisce anche un servizio a persone di tutte le età della città, sostenendo “i bisognosi, le persone che non hanno lavoro. Quando un membro della famiglia passa, lo aiutiamo a seppellirlo nel modo giusto”.

Secondo Tariq Raghman, segretario generale dell’Islamic Circle of North America, un’organizzazione senza scopo di lucro nel Queens, New York, “il 99% delle moschee di New York City ha il sostegno della comunità, e non ha sovvenzioni o stato o governo finanziamento. Tutto viene dalla società “.

Leggi di più: